• Peter Pan e Wendy

    LA STORIA DELLA STORIA

    Il giornalista e drammaturgo James Mattehew Barrie (Edimburgo 1860 – Londra 1937) ufficialmente diede vita al personaggio nel 1903, inserendolo come “ospite” nel suo romanzio per adulti L’uccellino bianco. Poi lo riprese subito nel 1904, per narrarne meglio le gesta avventurose, rendondolo protagonista di una commedia fiabesca: Peter Pan, ovvero il bambino che non voleva crescere. La messa in scena del testo riscosse un tale successo […] da indurre in breve all’edizione di un volume che ne sfruttasse il richiamo; ma Peter Pan nei giardini di Kensington, stampato nel 1906 da Hodder & Stoughton e illustrato magistralmente dall’astro del pennino di Arthur Rackam, non era altro che la estrapolazione di quei sei capitoli de L’uccellino bianco che raccontavano la nascita e le prime disavventure londinesi del meraviglioso bambino-uccello. Qualche anno dopo, fu possibile leggere anche la storia della fortunata commedia, ora romanzata e dal titolo abbreviato in Peter Pan e Wendy (1911). E da allora si stabilizzò la inesauribile presenza dei due volumi, alternati o affiancati, nelle biblioteche giovanili di tutto il mondo. 

    (Tratto da Ferruccio Gironimi, Sulle ali del vento, postfazione a James M. Barrie, Peter Pan e Wendy, Nuages 2004).

    LE SEZIONI TEMATICHE